Cos'e l'inquinamento elettromagnetico.

  •  Noto anche come elettrosmog, è un fenomeno sempre più rilevante nell’era moderna. Con l’aumento dell’uso di dispositivi elettronici e della tecnologia wireless, siamo costantemente esposti a campi elettromagnetici (CEM) provenienti da varie fonti. Questo articolo esplorerà cosa sia l’inquinamento elettromagnetico, le sue fonti principali, i potenziali rischi per la salute e come proteggersi efficacemente.
  • L’inquinamento elettromagnetico si riferisce all’esposizione eccessiva a campi elettromagnetici artificiali generati da dispositivi elettronici e infrastrutture di telecomunicazione. Questi campi possono essere di tipo non ionizzante (come quelli generati da telefoni cellulari, Wi-Fi e linee elettriche) o ionizzante (come i raggi X e le radiazioni nucleari).

Le principali fonti di inquinamento elettromagnetico.

  1. Telefoni Cellulari e Smartphone: Questi dispositivi emettono onde radio che possono penetrare nei tessuti umani, causando potenziali effetti sulla salute.
  2. Router Wi-Fi: I router utilizzano onde radio per trasmettere dati senza fili, creando un campo elettromagnetico continuo nelle aree circostanti.
  3. Linee Elettriche: Le linee ad alta tensione generano campi elettromagnetici a bassa frequenza, che possono estendersi per diverse centinaia di metri.
  4. Elettrodomestici: Dispositivi comuni come microonde, frigoriferi e televisori emettono anch’essi campi elettromagnetici.
  5. Torri di Trasmissione: Le antenne per la trasmissione radio, televisiva e telefonica generano campi elettromagnetici ad alta frequenza.

 

Rischi per la salute

Gli effetti sulla salute dell’inquinamento elettromagnetico sono oggetto di dibattito scientifico. Alcuni studi suggeriscono un legame tra l’esposizione prolungata ai CEM e vari problemi di salute, tra cui:

Disturbi del Sonno: L’esposizione ai campi elettromagnetici durante la notte può interferire con i ritmi circadiani, causando insonnia e altri disturbi del sonno.

– Mal di Testa e Affaticamento: Alcune persone riportano sintomi di mal di testa e affaticamento cronico in presenza di alti livelli di CEM.

– Effetti sul Sistema Nervoso: L’esposizione ai campi elettromagnetici potrebbe influenzare il sistema nervoso, portando a stress e ansia.

– Potenziali Effetti Cancerogeni: Sebbene le prove siano ancora inconclusive, alcuni studi hanno ipotizzato un possibile aumento del rischio di tumori cerebrali con l’uso prolungato di telefoni cellulari.

Come proteggersi dall'inquinamento elettromagnetico

    1. Ridurre l’Uso dei Dispositivi: Limitare il tempo trascorso utilizzando telefoni cellulari e altri dispositivi wireless può ridurre l’esposizione.
    2. Usare il Viva Voce o le Cuffie: Quando si usa il telefono, preferire il viva voce o le cuffie per mantenere il dispositivo lontano dal corpo.
    3. Spegnere i Dispositivi durante la notte: Spegnere i router Wi-Fi e altri dispositivi elettronici durante la notte per ridurre l’esposizione ai CEM.
    4. Utilizzare Schermature: Esistono prodotti specifici che schermano i campi elettromagnetici, come tessuti schermanti e custodie protettive.
    5. Mantenere una Distanza Sicura: Tenere i dispositivi elettronici a una distanza ragionevole dal corpo, soprattutto durante l’uso prolungato.
    6. Dispositivi di Protezione: Considerare l’uso di dispositivi come Biorigenya Plus, O2 e Q, che sono progettati per armonizzare l’ambiente e migliorare il benessere generale.

L’inquinamento elettromagnetico è una realtà della vita moderna, ma con consapevolezza e precauzioni, è possibile ridurre significativamente l’esposizione e proteggere la propria salute. Continuare a informarsi sugli sviluppi scientifici e adottare misure preventive può aiutare a vivere in modo più sicuro in un mondo sempre più tecnologico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *