I campi morfogenetici:

cosa sono, come funzionano e quali sono le loro implicazioni

Che cosa sono i campi morfogenetici?

I campi morfogenetici sono un concetto introdotto dal biologo britannico Rupert Sheldrake, che li definisce come campi di energia sottile che hanno due caratteristiche principali: l’informazione e la carica.

L’informazione è l’espressione di una forma, qualità o conoscenza che caratterizza ogni campo morfogenetico. 

Secondo Sheldrake, esiste un campo morfogenetico per ogni cosa che esiste, sia essa materiale o immateriale. Per esempio, ci sono campi morfogenetici per i sentimenti (felicità, fiducia, tristezza, amore, odio…), per le qualità (povertà, furbizia, forza, equilibrio, abbondanza…), per gli oggetti (una sedia, una penna, una mela…), per gli organismi (una pianta, un animale, un essere umano…), per le specie (un cane, un gatto, un leone…), per le idee (la democrazia, la libertà, la giustizia…), e così via. 

Ogni campo morfogenetico ha un tratto distintivo che lo rende unico e diverso dagli altri.

La carica è la quantità di energia contenuta in ogni campo morfogenetico. Come i campi elettromagnetici, anche quelli morfogenetici hanno una natura energetica, ma di tipo sottile e non misurabile con gli strumenti convenzionali.

La carica di un campo morfogenetico dipende dalla sua intensità e dalla sua frequenza. Più è forte l’energia di un campo morfogenetico, più sarà influente il suo effetto sulla materia e sugli altri campi.

Come funzionano i campi morfogenetici?

I campi morfogenetici agiscono sul mondo materiale attraverso due meccanismi: la causazione formativa e la risonanza morfica.

La causazione formativa è il processo attraverso il quale i campi morfogenetici danno forma e struttura ai sistemi che organizzano. Sheldrake sostiene che i sistemi naturali non sono regolati solo dalle leggi fisiche note dalla scienza, ma anche da campi morfogenetici che li guidano verso obiettivi specifici. Questi obiettivi sono chiamati attrattori e rappresentano i limiti verso i quali un sistema dinamico tende a evolvere. Per esempio, il campo morfogenetico di una ghianda contiene l’informazione e la carica necessarie per farla diventare una quercia. Il campo morfogenetico di una cellula uovo contiene l’informazione e la carica necessarie per farla diventare un organismo complesso. Il campo morfogenetico di una specie contiene l’informazione e la carica necessarie per farla adattare all’ambiente.

La risonanza morfica è il fenomeno attraverso il quale i campi morfogenetici si influenzano reciprocamente in base alla loro somiglianza. Sheldrake afferma che i campi morfogenetici hanno una memoria collettiva che deriva da tutte le cose precedenti del loro genere. Questa memoria si trasmette attraverso una sorta di vibrazione o sintonia tra i campi simili. Per esempio, quando un individuo di una specie impara un nuovo comportamento, crea un campo morfogenetico che influenza gli altri individui della stessa specie a imparare lo stesso comportamento. 

Quali sono le implicazioni dei campi morfogenetici?

I campi morfogenetici sono una teoria che sfida il paradigma scientifico dominante, basato sul meccanicismo e sul determinismo. 

Essi aprono la possibilità di una visione più olistica e dinamica della realtà, in cui tutto è connesso e in continua evoluzione.

Essi suggeriscono anche che la natura sia creativa e abbia una sua intelligenza, che si manifesta attraverso i campi morfogenetici.

I campi morfogenetici hanno anche delle implicazioni pratiche per la nostra vita quotidiana. Essi ci invitano a essere più consapevoli del nostro ruolo nel creare e modificare i campi morfogenetici a cui apparteniamo e con cui interagiamo. 

Essi ci incoraggiano a scegliere con cura i nostri pensieri, le nostre emozioni, le nostre azioni, le nostre relazioni, le nostre idee, perché ognuno di essi ha un impatto sui campi morfogenetici e sulla realtà che ne deriva. 

Essi ci mostrano anche che possiamo attingere alla memoria collettiva dei campi morfogenetici per apprendere e innovare più facilmente e rapidamente. Essi ci offrono infine una speranza di cambiamento positivo, basato sulla cooperazione e sulla condivisione tra i campi morfogenetici.

Come la tecnologia BMF interagisce con i campi morfogenetici?

La tecnologia BMF, sviluppata da Biorigenya, è una tecnologia innovativa che sfrutta le biofrequenze per armonizzare l’energia del corpo e dell’ambiente. La tecnologia BMF si basa sulle più recenti scoperte della fisica quantistica e sui principi del biomagnetismo frequenziato.

La tecnologia BMF consiste nel captare le frequenze emesse dai singoli elementi naturali attraverso i campi magnetici, arricchirle di informazioni quantiche ed orientarle verso l’uomo e l’ambiente per produrre effetti benefici. 

Questi effetti sono dei veri e propri campi bioenergetici, che entrano in risonanza con i campi morfogenetici esistenti.

La tecnologia BMF, quindi, interagisce con i campi morfogenetici in due modi: li armonizza e li potenzia. Li armonizza, neutralizzando le interferenze negative causate dalle radiazioni naturali o artificiali, come l’elettrosmog o il 5G. Li potenzia, trasmettendo informazioni positive e stimolanti per il benessere fisico, mentale ed emotivo.

Come si usano?

Grazie a queste conoscenze, Biorigenya ha sviluppato la tecnologia BMF per poter utilizzare i campi bioenergetici a favore dell’uomo e dell’ambiente. Attraverso ricerche ed esperimenti, sono state individuate frequenze armoniche che influenzano l’ambiente circostante. Queste onde vibrazionali vengono trasferite con un computer radionico su supporti/dispositivi per diffonderle per diversi utilizzi.

I vari dispositivi aiutano a:

  • Difendere l’organismo dai possibili danni biologici provocati dall’esposizione ai campi elettromagnetici;
  • Migliorare energeticamente qualità purezza dell’acqua e degli alimenti;
  • Rendere salubre l’ambiente in cui viviamo e lavoriamo;
  • Migliorare il benessere generale e le performance;
  • Migliorare la qualità delle piante e aumentare la resa delle coltivazioni;
  • Riequilibrare persone, animali, piante, la terra, l’ambiente e la Natura.

Come si usano?

I dispositivi sono caricati con un software radionico. Con la radionica e l’ausilio di grafici elettronici, si possono trasmettere informazioni a distanza per correggere situazioni disequilibrate o patogene sia di esseri viventi, sia di luoghi.  

Quali sono i benefici per la persona?

I prodotti  per il benessere aiutano  ad aumentare l’energia vitale e a sostenere l’organismo nell’ottimizzare le risposte a fattori esterni come l’inquinamento elettromagnetico o particolari situazioni in cui il nostro corpo e la nostra mente hanno bisogno di un contributo.

Questi supporti, oltre ad attivare i benefici generali, possono aiutare in tante situazioni:

  • Favorire il lavoro di squadra;
  • Mantenere in equilibrio le attività fisiche e mentali;
  • Sostenere gli arti inferiori in caso di  cattiva circolazione o si sta in piedi tutto il giorno;
  • Apportare forza e resistenza delle prestazioni a livello muscolare.

La fisica quantistica ci insegna che siamo parte attiva del cambiamento, pertanto più ci sintonizziamo con le frequenze dei dispositivi, più sarà efficace l’aiuto che riceveremo.

Cosa si può fare per le piante e l'orto?

La salute delle piante è determinata dalle condizioni ambientali e dal loro stato bioenergetico e quando una pianta è in salute mostra migliore crescita e armonia, fioritura rigogliosa, produzione abbondante e di ottima qualità.

Per questa ragione non è solo importante sostenere l’attività biologica del terreno tramite concimazioni adeguate, ma anche indirizzare le nostre attività per aumentare il livello bioenergetico delle piante.

Quali sono i benefici per le piante e l'orto?

L’utilizzo dei dispositivi Biorigenya aiuta le piante a crescere in salute e piene di energia positiva e a ottenere:

  • Maggior resistenza a tutte le forme parassitarie ed un miglior sviluppo vegetativo e produttivo.
  • Riduzione (fino al 40%) dell’impiego di fertilizzanti, fito-nutrienti o fitofarmaci
  • Calcio e magnesio, utili in molte colture, non verranno eliminati dall’acqua ma semplicemente cambiati di stato fisico
  • Il calcare presente nell’acqua non si depositerà più in modo aggressivo nelle condutture dell’acqua e negli ugelli, mantenendone una perfetta efficienza.

Come vengono caricati i dispositivi?

  • I campi bioenergetici possono essere caricati su qualsiasi materiale. I dispositivi Biorigenya, sono prodotti principalmente con composti contenenti silicio e grafene, materiali che come il quarzo, l’alluminio, l’oro e l’argento, danno le più ampie garanzie di durata della carica bioenergetica.

    Normalmente questa carica può durare decine di anni tranne nei casi in cui viene investita da radiazioni ionizzanti anche di bassa entità.

    Biorigenya garantisce piena efficacia per 10 anni. Trascorso tale periodo offre un servizio di ricarica gratuita, se necessaria, dei dispositivi . Per tutti gli altri dispositivi è valida la garanzia di due anni.