raffreddore.jpg

Gli effetti dei problemi di umidità non riguardano solamente lo stato degli ambienti e la loro conservazione: prima che i danni agli edifici arrivino a essere strutturali, di solito, deve passare molto tempo, e comunque “basta” decidere di intervenire per sanare la situazione.

Incalcolabili da un punto di vista economico, e in alcuni casi anche irreparabili, possono essere invece i danni alla salute delle persone che vivono in ambienti umidi.

L’umidità infatti provoca il deterioramento chimico e/o biologico dei materiali e peggiora la qualità dell’aria. Gli effetti negativi di virus e batteri che proliferano con l’umidità sono molteplicie scientificamente provati.

Sono fondamentalmente tre le vie che possono far insorgere patologie come effetto della umidità eccessiva.

Il primo è di tipo allergico, e riguarda le comuni irritazioni a occhi, naso ecc.

Il secondo è di tipo tossico: gli ambienti umidi favoriscono la crescita di batteri nocivi che possono provocare infezioni ai tessuti, senza contare che alcune muffe emettono sostanze chimiche che possono indurre una azione tossica per l’uomo.

L’ultimo modo è per via infettiva, ed è anche il più raro poiché solitamente colpisce pazienti che già presentano una riduzione delle difese immunitarie.

Ma questa è anche la ragione per cui i primi a essere colpiti dalla presenza dell’umidità sono i bambini, che ancora non hanno un sistema immunitario completamente sviluppato.

Qui in Italia anche il Ministero della Salute si è espresso sui pericoli dell’umidità, in particolare per i più piccoli:

“E’ dimostrato che l’esposizione alle muffe e/o umidità domestica si associa alla maggiore prevalenza di sintomi respiratori, asma e danni funzionali respiratori. In particolare, per quanto riguarda la salute dei bambini, i risultati complessivi di studi trasversali su bambini di 6-12 anni hanno confermato la relazione positiva tra la muffa visibile (riportata dai conviventi) e la tosse notturna e diurna dei bambini e, nelle famiglie più affollate, la relazione con asma e sensibilizzazione ad allergeni inalanti.”

Ma sicuramente lo studio più dettagliato sugli effetti della umidità sulla salute è il report “WHO guidelines for indoor air quality – dampness and mould” (Linee guida per la qualità dell’aria al chiuso – umidità e muffe) della Organizzazione Mondiale della Sanità: ecco quali sono i principali rischi per la salute portati dall’umidità in eccesso:

1) ASMA
2) INFEZIONI ALLE VIE RESPIRATORIE
3) TOSSE
4) DISPNEA (O RESPIRO AFFANNOSO)
5) SINDROME DA STANCHEZZA CRONICA

Lascia un Commento/Recensione

  • voto
    0
Invia

Recensioni Utenti

Rispondi
Annulla

Condividi:

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin